Lavrov:l’UE ha la vista corta, non abbiamo iniziato noi la guerra in Ucraina

L’Unione Europea dovrebbe unire gli sforzi con la Russia per combattere il terrorismo internationale invece di imporre “illogiche” e “inutili” sanzioni, ha detto il Ministro degli Esteri russo in risposta al prolungamento di sei mesi delle sanzioni contro Mosca.
“Invece di costruire una cooperazione costruttiva per affrontare le sfide chiave del nostro tempo,come il terrorismo internazionale, le autorità di Bruxelles preferiscono continuare il gioco miope delle sanzioni” ha detto lunedì Sergeij Lavrov.
Mosca ha definito i tentativi dell’UE di collegare il prolungamento o meno delle sanzioni all’evolversi del conflitto militare in Ucraina, “artificiali e senza alcun fondamento”.
“Non è la Russia ad aver iniziato questo conflitto, ma le attuali autorità ucraine, che hanno cercato di sopprimere la volontà del Donbass che si è ribellato al colpo di stato a Kiev nel Febbraio del 2014” dice la nota.

Il ministro ha notato anche come l’inizio del conflitto sia stato causato dall’accordo di associazione che Kiev ha sottoscritto nientemeno che con l’UE.

“L’assenza di una logica nel comportamento dell’UE è ovvio: provano a punire la Russia per qualcosa che non solo è fuori controllo, ma nella quale l’UE è addirittura coinvolta attivamente” ha detto il ministro.

Mosca ha sottolineato che ha promosso in tutti i modi una risoluzione pacifica del conflitto, stimolando Bruxelles a “lavorare propriamente con Kiev” e persuadere ques’ultima a dare seguito agli accordi di pace di Minsk.

L’accordo di pace di Minsk è stato firmato fra il governo ucraino e i leader dei ribelli delle autoproclamatesi repubbliche di Donetsk e Lugansk dopo un anno di guerra e circa 7000 morti. L’accordo, che prevedeva un cessate il fuoco, uno scambio di prigionieri e l’esclusione dal conflitto dell’artiglieria pesante, ha portato ad un drastico calo della violenza, ma non è stato pienamente applicato da nessuna delle due parti.

Il Ministro ha sottolineato che “credere che le sanzioni potessero forzare la Russia ad abbandonare la sua posizione di principio è stato un errore fin dall’inizio, e l’estensione delle sanzioni significa che l’Unione Europea resta vittima dei propri errori”.

 

 

Ìèíèñòð èíîñòðàííûõ äåë Ðîññèè Ñåðãåé Ëàâðîâ

Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov

 

Fonte: Russia Today

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...