Mese: novembre 2017

Incontri con la poesia russa del primo ‘900 – Georgij Ivanov

Pubblichiamo il primo dei cinque incontri con la poesia russa del primo ‘900. Georgij Ivanov e’ considerato dagli studiosi, insieme a Chodosevic di cui parleremo la prossima settimana, il più alto poeta dell’emigrazione russa. Con Francesca Lazzarin ripercorriamo brevemente la sua vita e leggiamo un brano tratto dal suo “Diario Post-Mortem” del 1958.

A chi fosse interessato a saperne di più, consigliamo:

Diario Post-Mortem, a cura di Alessandro Niero, ed. Kolibris, 2013.

Buona visione!

Incontri con la poesia russa del primo ‘900. Introduzione

Inauguriamo oggi, a 100 anni dalla Rivoluzione di Ottobre, un ciclo di cinque incontri settimanali con la poesia russa del primo ‘900. Vi racconteremo, attraverso dettagli biografici, poesie e consigli per la lettura, poeti che hanno vissuto prima durante e dopo la rivoluzione. Poeti poco conosciuti dal grande pubblico, ma che sono entrati a pieno titolo nelle antologie della letteratura russa. Vi leggeremo versi sulla rivoluzione, ma anche versi profondamente personali, intimi, a sostegno o a contrasto del nuovo mondo comunista.

Accompagnati da Francesca Lazzarin, russista, docente di letteratura italiana presso la “Alta Scuola di Studi Economici” di Mosca, affronteremo cinque nomi di profonda rilevanza per comprendere la Russia di allora e, quindi, quella di oggi. Come dicono i russi: “Il poeta in Russia e’ molto più di un poeta.”

Buona visione!